Grande successo per le assemblee SIC ad Alghero e Porto Torres

Nelle giornate del 12 e 13 Luglio 2024, il Sindacato Indipendente Carabinieri ha tenuto due partecipatissime assemblee sindacali, rispettivamente presso le Compagnie Carabinieri di Alghero e Porto Torres (SS).

Gli incontri che il SIC sta organizzando senza sosta su tutto il territorio nazionale si svolgono all’insegna di una comunicazione cristallina ed una apertura totale al dialogo con le Donne e gli Uomini dell’Arma dei Carabinieri.
Ed anche in queste due occasioni, la platea ha profondamente apprezzato la disponibilità e la qualità delle risposte ai tanti quesiti proposti.

Presenti il Segretario Nazionale SIC con delega all’assistenza psicologica, Maurizio Testoni, il Segretario Generale Regionale del SIC Sardegna, Michele Tangianu, il Segretario Regionale aggiunto, Leonardo Pintus ed i Segretari Provinciali del SIC Sassari, Marco Saderis e Sara Moscato.

Oltre che una esauriente esposizione del progetto sindacale SIC e della circolarità informativa che lo contraddistingue, i relatori hanno trattato specifici argomenti di interesse generale, tra cui l’assistenza e la tutela disciplinare e legale, l’assistenza ed il supporto Psicologico, anche con riferimento al fenomeno suicidiario.

I prossimi appuntamenti sono il 17 Luglio, presso la Compagnia Bono (SS), il 18 Luglio presso la Compagnia Tempio P. (SS) ed il 19 Luglio presso la Compagnia Ottana (NU).

IL SIC non si ferma nemmeno in Estate.
Contattaci, noi ci siamo!

Il SIC incontra il Comandante della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia Gen. B. Gabriele Vitagliano

IL CAMBIAMENTO PASSA ATTRAVERSO UNA REALA APERTURA.
GRAZIE AL COMANDANTE DELLA LEGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA.

Il 10 luglio 2024, il Comandante della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia sig. Gen. B. Gabriele VITAGLIANO ha incontrato presso la Caserma intitolata al Brig. A. BASSO M.O.V.M. i Rappresentanti regionali delle varie APCSM.

Il Sindacato Indipendente Carabinieri ha partecipato all’incontro con il Segretario Generale Regionale Gianluca CARUSO.

L’incontro è stato fortemente voluto dal Gen. B. Gabriele VITAGLIANO.

Nel corso dell’incontro il Comandante della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia ha dichiarato la sua disponibilità al dialogo con tutte le APCSM, in un clima di leale e fattiva collaborazione, finalizzato ad accrescere il benessere dei Carabinieri e per migliorarne le condizioni lavorative e gli ambienti di lavoro.

Il Gen. B. Gabriele VITAGLIANO ha chiesto ai Rappresentanti delle sigle sindacali presenti di segnalare personalmente a lui qualsivoglia criticità per una più rapida risoluzione.

Tra le problematiche emergenti, assume carattere di priorità la carenza di personale nei vari Reparti, in particolare nelle Sezione/Aliquote Radiomobili, nei Nuclei Investigativi dei Comandi Provinciali e, soprattutto, nelle Stazioni.

È stata evidenziata l’età avanzata del personale ancora in servizio in Reparti più soggetti a orari gravosi.

L’incontro si è svolto in un clima di assoluta serenità.

Particolarmente apprezzata l’empatia dimostrata dal Gen. B. Gabriele VITAGLIANO per la risoluzione di tutte le problematiche che affliggono i Carabinieri della Regione di lui amministrata.

Il Comandante ha sottolineato che, pur cercando di identificare problemi attraverso la gerarchia, è assolutamente necessario la collaborazione e gli interventi delle realtà sindacali nel processo decisionale.

Il SIC, attraverso il Segretario Generale Regionale Gianluca CARUSO, si è reso disponibile per una leale e proficua collaborazione.

Questa Associazione sindacale si aspetta una analoga apertura da parte di tutti i restanti Comandanti di Legione mettendo in primis il bene di quelle risorse umane che quotidianamente operano in condizioni disagevoli per la difesa dello Stato.

Fluminimaggiore, 12 Luglio 2024

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN PDF

Approvato l’emendamento voluto e sostenuto dal SIC che attribuisce una maggiore tutela al personale delle forze dell’ordine indagato i imputato per fatti inerenti il servizio

Nella mattinata di ieri, le Commissioni Riunite “Affari Costituzionali” e “Giustizia” della Camera dei Deputati hanno approvato l’emendamento presentato dal Governo nell’ambito del disegno di legge 1660, in discussione presso le citate Commissioni.
L’emendamento, approvato dalle Sezioni delle due Commissioni, è volto ad introdurre nuove disposizioni in materia di sicurezza pubblica, di tutela del personale in servizio, nonché di vittime dell’usura e di ordinamento penitenziario.
L’emendamento in questione, fatte salve le disposizioni statuite dall’art. 32 della legge 22 maggio 1975, n. 152 e dall’art. 18 del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito con legge 23 maggio 1997, n. 135, in materia di tutela legale a favore del personale indagato o imputato per fatti inerenti al servizio, prevede, per le sole spese di difesa, l’attribuzione di una somma fino all’importo di 10mila euro per ciascuna fase del procedimento.
Tale somma verrà attribuita a partire dal 2024.
Grazie all’approvazione dell’emendamento in disamina, l’importo sinora previsto di 5mila euro è stato raddoppiato.
A partire dal 2024, il nuovo importo massimo di 10mila euro è riconosciuto per ciascuna fase del procedimento.
La rivalsa delle citate somme si concretizzerà solo se al termine del procedimento verrà accertata la responsabilità dolosa da parte del dipendente.

L’emendamento approvato stabilisce che non si procede alla rivalsa delle somme anticipate qualora:

– le indagini preliminari si siano concluse con un provvedimento di archiviazione o sia stata emessa, in sede di udienza preliminare, una sentenza di non luogo a procedere ai sensi dell’articolo 425 c.p.p.;

– venga emessa sentenza di proscioglimento ai sensi dell’articolo 469 c.p.p.;

– sia stata pronunciata una sentenza di proscioglimento ai sensi degli articoli 129 perché sussiste una causa di non punibilità;

– sia emessa una sentenza di non doversi procedere ai sensi dell’art. 529 c.p.p.;

– sia intervenuta una sentenza di non doversi procedere ai sensi dell’art. 530, commi 2 e 3;

– intervenga una sentenza di assoluzione ai sensi 531 c.p.p.;

– intervenga l’estinzione del reato, anche se successivamente alla sentenza;

– ricorra altro provvedimento che abbia escluso la responsabilità penale del dipendente, salvo che per i fatti contestati in sede penale sia stata accertata la responsabilità per grave negligenza in sede disciplinare.

L’emendamento verrà introdotto nel testo finale del ddl, a breve al vaglio dell’Assemblea della Camera dei Deputati dove troverà, senz’altro, pieno accoglimento.
Un risultato di portata storica che il SIC ha da sempre voluto e sostenuto.
Finalmente lo Stato ha scelto di stare dalla parte delle Forze dell’Ordine.

Fluminimaggiore, 11 Luglio 2024

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF

Le legittime aspirazioni professionali del Carabiniere cessano al compimento dei 45 anni perché considerato “vecchio”

Fluminimaggiore, 10 Luglio 2024

AL SIG. COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI
Gen. C.A. Teo Luzi

Oggetto: Le legittime aspirazioni professionali del Carabiniere cessano al compimento dei 45 anni perché considerato “vecchio”.

Nell’esclusivo interesse di tutelare il benessere ed i diritti dei nostri Associati, il Sindacato Indipendente Carabinieri segnala che, da diversi anni, il conseguimento di specializzazioni, corsi e impieghi in determinati Reparti, vengono preclusi al personale che ha raggiunto i 45 anni e, talvolta, addirittura i 42 anni.

Premesso che il futuro pensionistico stia gradualmente lievitando, è fortemente irragionevole limitare le aspirazioni professionali dei Carabinieri, assoggettandoli ad un requisito anagrafico che non è assolutamente utilizzabile quale riferimento di efficienza e/o produttività.

Le aspirazioni professionali costituiscono stimolo ed incontenibile serenità psicofisica per il Carabiniere.

E’ doveroso fare osservare che, talvolta, le modalità con le quali vengono spesso prescelti alcuni Colleghi rispetto ad altri, risultano essere celati da stranezze oggettive (pochi anni di servizio, note caratteristiche non apicali o con assenza di ricompense).

Proprio a causa di queste stranezze alcuni Colleghi, malgrado siano professionalmente referenziati, anche e soprattutto sull’esperienza diretta, impiegano qualche anno in più rispetto ad altri per coronare la propria aspirazione professionale.

La Costituzione, madre di tutte le fonti del diritto, agli artt. 3 e 5 difende l’uguaglianza sociale e la tutela del lavoro, non ponendo alcun limite anagrafico al cittadino.

Appare pertanto, consequenziale che qualsiasi Carabiniere, collocato nella posizione di “abile al servizio incondizionato”, non debba essere ridimensionato al solo impiego territoriale delle Stazioni.

Inoltre, sentirsi discriminato per un illogico range anagrafico, genera profondo malessere psicofisico nei confronti di coloro che vogliono ancora elevare il proprio livello professionale, apportando tra l’altro la propria importantissima ed essenziale esperienza acquisita, in quei Reparti in cui l’anziano può costituire soltanto saggezza, guida e capacità di analisi.

Inoltre occorre fare disamina oggettiva di questo irragionevole orientamento amministrativo.

Se si dovesse applicare questa direttiva si chiede il perché, poi, determinati Colleghi possano continuare a restare in quei Reparti, ormai destinati solo ai cosiddetti giovani, nonostante abbiano raggiunto età superiori ai 45 anni?
Per di più appare estremamente contraddittorio considerare “gli anziani” idonei soltanto alle Stazioni.

Laddove in questi Reparti, Militari ultracinquantenni vengono costantemente impiegati in servizi esterni, anche in arco serale e notturno, di O.P. e in complesse attività di polizia giudiziaria, senza alcuna limitazione, mentre lo stesso Militare viene giudicato inidoneo a ricoprire incarichi in Reparti Speciali ove sovente viene richiesto un minore impegno fisico.

Questo irrazionale orientamento porterebbe ad avere Stazioni con personale over 45, collocando i “giovani” in posti d’élite anche senza essere in possesso della necessaria esperienza territoriale.

Chiediamo a chi ha potere decisionale di eliminare immediatamente il limite anagrafico de quo in quanto contro i fondamenti della Costituzione Italiana auspicando un percorso collaborativo teso ad evitare di ricorrere alle opportune sedi, chiedendo ingenti indennizzi da parte di chi ad oggi è stato intenzionalmente e dolosamente collocato in forzata “fine carriera professionale” da un determinato orientamento direttivo.

Fiducioso in un Suo autorevole intervento correttivo, formulo ossequiosi saluti.

 

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF

Continua il ciclo di assemblee SIC su tutto il territorio nazionale

Proseguono, anche nel mese di luglio, gli incontri del SIC con le colleghe ed i colleghi interessati a conoscere il nostro progetto sindacale e a discutere insieme
sulle tematiche di maggiore interesse riguardanti la professione di Carabiniere.

I prossimi appuntamenti:
Compagnia Alghero (SS) – 12.07.2024 – dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
Compagnia Porto Torres (SS) -13.07.2024 -dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
Compagnia Bono (SS) – 17.07.2024 – dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
Compagnia Tempio P. (SS) – 18.07.2024 – dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
Compagnia Ottana (NU) – 19.07.2024 – dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Maggiori informazioni nella locandina allegata.

SCARICA LA LOCANDINA IN PDF

Efferata rapina a Sassari, colpi esplosi contro i Carabinieri. Improcrastinabile inasprire pene e incrementare organici e dotazioni delle Forze dell’Ordine. Lettera al Ministro della Difesa

Fluminimaggiore, 29 giugno 2024

AL SIG. MINISTRO DELLA DIFESA
On. Guido Crosetto
e p.c.
AL SIG. COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI
Gen. C.A. Teo Luzi

Oggetto: Efferata rapina a Sassari, colpi esplosi contro i Carabinieri.
Improcrastinabile inasprire pene e incrementare organici e dotazioni delle Forze dell’Ordine.

Signor Ministro,
nella serata di ieri 28 giugno 2024, otto uomini armati, hanno rapinato la sede dell’Istituto di Vigilanza Mondialpol di Sassari, asportando un ingente somma di denaro custodita nel caveau.

Una rapina pianificata nei minimi dettagli da soggetti estremamente pericolosi.
Prima dell’assalto all’Istituto, i rapinatori hanno incendiato diverse auto abbandonate al centro delle maggiori arterie stradali adiacenti all’obiettivo individuato, allo scopo di rallentare i veicoli delle Forze di Polizia.

Gli automobilisti in transito hanno assistito atterriti all’efferata azione di inaudita violenza da parte dei rapinatori.

Per assicurarsi la fuga, i banditi hanno esploso numerosi colpi d’arma da fuoco contro un equipaggio della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Sassari.
Fortunatamente i colpi esplosi hanno attinto il parabrezza antiproiettile della Giulietta dei Carabinieri, evitando l’uccisione dei nostri Colleghi, che sono rimasti miracolosamente illesi.

Nelle provincie di Sassari, Nuoro e Oristano è scattato il piano anti rapina con posti di blocco ovunque.

Nel momento in cui scriviamo, tutte le Forze di Polizia sono sulle tracce del commando con numerose pattuglie. Elicotteri della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri si sono levati in volo per coadiuvare le ricerche delle autopattuglie.
Anche in occasione di questo efferato reato, le Donne e gli Uomini in divisa dell’Arma dei Carabinieri sono intervenuti massicciamente, senza limiti temporali, dimostrando un altissimo senso del dovere e profonda abnegazione.

In più occasioni, il SIC ha evidenziato l’impareggiabile impegno delle Forze dell’Ordine che, tuttavia, non è al momento sufficiente a migliorare il sistema Sicurezza, che richiede invece un immediato intervento in termini di incremento degli organici, considerata la forte crescita dei fenomeni delinquenziali.
Il SIC ha, altresì, chiesto un rinnovato impegno di collaborazione interistituzionale per il miglioramento delle condizioni di lavoro degli appartenenti alle FF.PP. e la creazione di tavoli tecnici permanenti in cui studiare gli interventi da attuare per accrescere la sicurezza.

Occorre, senza ulteriore indugio, rinnovare i veicoli in dotazione alle Forze di Polizia.
Allo stato attuale, non tutti i veicoli sono dotati di sistemi di sicurezza passiva che garantiscano la totale incolumità dei Servitori dello Stato in occasione di sparatorie.

LA SICUREZZA DI COLORO CHE TUTELANO LO STATO NON HA PREZZO O COLORE POLITICO.

Il SIC esprime vicinanza all’equipaggio dei Carabinieri intervenuti che sono stati bersaglio della violenta azione di fuoco da parte dei rapinatori.
Un plauso a tutte le Forze di Polizia che, in perfetto coordinamento e sinergia, hanno dimostrato piena efficienza ed una presenza attiva sul territorio.

Il SIC si rivolge a Lei, On. Guido CROSETTO, perché il Governo si attivi celermente per migliorare gli equipaggiamenti in uso alle Forze di Polizia e per l’inasprimento delle pene per i reati predatori operati con violenza e per ogni aggressione contro i Servitori dello Stato.

Colgo l’occasione per formulare un deferente saluto.

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF

Sardegna, 26 e 27 Giugno 2024. Assemblee sindacali del SIC presso le Compagnie Carabinieri Bonorva (SS), Ozieri (SS) e Bitti (NU)

Nelle giornate del 26 e 27 Giugno 2024, il Sindacato Indipendente Carabinieri ha svolto le assemblee sindacali presso le Compagnie Carabinieri di Bonorva (SS), Ozieri (SS) e Bitti (NU).

L’auditorium ha apprezzato la cristallina lealtà e la disponibilità del Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo e dei Dirigenti Nazionali e Regionali della nostra Organizzazione sindacale intervenuti agli eventi.

Nel corso delle assemblee, il Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo ed i Dirigenti del SIC hanno illustrato le attività e le opportunità offerte dalla nostra Organizzazione sindacale.

Numerosi i quesiti, a cui sono seguite esaustive risposte a cura del Direttivo Nazionale e Regionale del SIC.

Nel corso delle assemblee sono stati trattati specifici argomenti tra cui l’assistenza e la tutela disciplinare e legale, l’assistenza ed il supporto Psicologico, anche con riferimento al fenomeno suicidiario.
Tematiche di interesse prioritario afferenti le condizioni lavorative del Carabiniere.

Particolarmente apprezzate la progettualità e la circolarità informativa del SIC, aperta a tutti attraverso i nostri canali social.

Il confronto con i Colleghi di Bonorva, Ozieri e Bitti è stato estremamente proficuo perché ha consentito di acquisire le problematiche afferenti il benessere e le condizioni lavorative direttamente chi opera nel territorio.

Un crescente interesse si è registrato per l’intervento del Responsabile del Supporto Psicologico Segretario Nazionale Maurizio Testoni, che ha trattato l’assistenza psicologica fornita dalla nostra Organizzazione sindacale.

Apprezzati gli interventi del Segretario Generale Nazionale aggiunto Simone Forte, del Segretario Nazionale Francesco Piero Lo Iacono, Responsabile della Comunicazione e dell’attività informativa e dell’assistenza ai giovani, del Segretario Generale Regionale aggiunto Leonardo Pintus, dei Segretari Regionali Alessandro Savi e Michele Tangianu, dei Segretari Provinciali di Sassari Sara Moscato, Marco Saderis, Daniele Cherveddu, del Segretario Provinciale SIC di Olbia, Luca Oppes, e del Segretario Provinciale SIC di Nuoro, Roberto Puggioni.

Tanti i Colleghi che hanno partecipato e aderito al progetto SIC.

Un particolare ringraziamento rivolgiamo ai Comandanti Provinciali di Sassari, Col. Massimiliano Pricchiazzi e di Nuoro, Col. Elvio Sabino Labagnara e ai Comandanti delle Compagnie di Ozieri, Magg. Gabriele Tronca, di Bonorva, Cap. Renato Lanzolla e di Bitti, Cap. Fabrizio Ricciardi per la cordiale accoglienza.

Al Signor Comandante della Legione Carabinieri Sardegna, Gen. B. Stefano Iasson, e al Signor Capo di Stato Maggiore della Legione Carabinieri Sardegna, Col. Saverio Ceglie va la nostra incondizionata gratitudine per l’apertura e disponibilità dimostrate verso le APCSM, in un rapporto di leale e fattiva collaborazione per il miglioramento delle condizioni lavorative dei Carabinieri che operano nella meravigliosa terra di Sardegna.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF

Sic – Sindacato Indipendente Carabinieri. “Operazione verità“

Fluminimaggiore, 26 Giugno 2024

AL SIG. MINISTRO DELLA DIFESA
On. Guido Crosetto

e p.c.

AL SIG. COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI
Gen. C.A. Teo Luzi

Oggetto: Sic – Sindacato Indipendente Carabinieri “Operazione verità“

Onorevole Signor Ministro,
nella mattinata di ieri, attraverso i social network, è stato pubblicato da sei APCSM dell’Arma dei Carabinieri (SIM CC, USIC, UNARMA, NSC, SIULCC e USMIA) un comunicato indirizzato al Signor Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, avente oggetto “Associazioni Sindacali Arma in agitazione” .

Dalla lettura del documento parrebbe che vi siano delle discrasie e conflittualità tra le succitate APCSM e gli Stati Maggiori del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Già da tempo il SIC ha segnalato (si vedano, a titolo di esempio, le allegate note del 10 e 18 Giugno) al sig. Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Teo Luzi, l’assenza di rapporti e di confronto tra le sigle sindacali e gli Uffici di vertice in merito alle numerose criticità afferenti il benessere del personale e la sicurezza dei luoghi di lavoro.

Allo stato attuale, gli Uffici Relazioni Sindacali sono inquadrati all’interno degli Stati Maggiori e da essi dipendenti.
In considerazione di ciò, le problematiche segnalate dalle APCSM vengono preliminarmente valutate dagli Stati Maggiori che, in più occasioni, non hanno fornito alcun riscontro.
Il mancato riscontro lascia dedurre che le criticità segnalate non siano state doverosamente partecipate al sig. Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

È inaccettabile ed inammissibile che le APCSM dell’Arma dei Carabinieri, iscritte all’Albo del Ministero della Difesa, non possano avere un confronto diretto con il sig. Comandante Generale e debbano rapportarsi con i Capi degli Stati Maggiori che continuano ad omettere di fornire risposte alle problematiche rappresentate, evidenziando assoluto disinteresse sulle tematiche riguardanti il benessere del personale e la sicurezza dei luoghi di lavoro.

Lei stesso, sig. Ministro della Difesa, in più occasioni, ha sottolineato l’importanza e la valenza insostituibile di un rapporto diretto e leale tra le APCSM ed i Comandanti di vertice.
Si rivela di fondamentale importanza che gli Uffici Relazioni Sindacali siano posti alle dirette dipendenze del Comandante Generale e non del Capo di Stato Maggiore, per evitare che l’azione di filtraggio determini ritardi negli interventi o una sottovalutazione della problematica rappresentata.

On. Guido Crosetto, in occasione dell’incontro da Lei avuto con le APCSM iscritte all’Albo Ministeriale in data 16 Novembre 2023, ha promesso l’istituzione di apposito Ufficio Relazioni Sindacali in seno al Ministero della Difesa, con il compito di relazionarsi con le sigle sindacali di tutte le Forze Armate, per un diretto confronto con Lei sulle tematiche di interesse collettivo.

Nonostante le sue raccomandazioni, i Comandanti di vertice dell’Arma dei Carabinieri non coinvolgono le APCSM allorquando devono assumere decisioni riguardanti il miglioramento delle condizioni lavorative del personale.
I Comandi di vertice non possono precludere alle sigle sindacali iscritte all’Albo Ministeriale di intervenire per la trattazione di tematiche concernenti il benessere e la salubrità dei luoghi di lavoro.
Un atteggiamento pressappochista, a lungo termine, rischia di danneggiare le fondamenta e l’efficienza della Compagine Militare.

Appare abbastanza singolare che, tra tutte le incongruenze segnalabili, le sigle sindacali rappresentative dell’Arma dei Carabinieri abbiano fatto esplicito riferimento all’art. 1479 bis del Codice dell’Ordinamento Militare “Diritti e tutela dei militari che rivestono una carica statutaria “.
Ogni APCSM dovrebbe seguire politiche di lealtà e di confronto costruttivo verso le Istituzioni con le quali deve interagire, nell’esclusivo interesse di tutelare e salvaguardare gli interessi collettivi dei propri iscritti, senza tornaconto personale.
Un attacco ai vertici dell’Arma, a due mesi dalla scadenza del mandato del Signor Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, richiama alla memoria i tempi trascorsi della Rappresentanza Militare.

La Rappresentanza Militare fa parte di un tempo andato, in cui le dinamiche relazionali con i Comandi di vertice erano caratterizzate, nella maggioranza dei casi, da rapporti clientelari.
Minacciare una totale chiusura dei rapporti tra APCSM e Istituzione è da considerare atto deplorevole ed irresponsabile.
Il confronto con l’Amministrazione è assolutamente necessario quando si è chiamati a tutelare gli interessi collettivi di una moltitudine di Associati.

Il SIC auspica che le convocazioni siano estese a tutte le APCSM, perché, quando si affrontano i temi legati al benessere del personale, solo la pluralità di giudizio e di analisi consente di pervenire ad una più esaustiva risoluzione della problematica.

Non voler lavorare insieme all’Ufficio Relazioni Sindacali e all’Ufficio Trattamento Economico del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, sia per quanto concerne il delicato rinnovo contrattuale in atto, sia per quanto riguarda la determinazione del F.E.S.I., appare anacronistico, poiché è come se le sigle sindacali proponenti stessero affermando di non voler tutelare i diritti dei propri assistiti.

Questo perché, anche se è specificato che saranno presentate autonome congiunte proposte direttamente alla “Funzione Pubblica”, la frammentazione delle posizioni e la possibile discordanza delle richieste tra le APCSM e il Comando Generale si ritiene non giovino al diritto di tutti i Carabinieri di vedere migliorato il trattamento economico di servizio.
Se l‘obiettivo era quello di tutelare l’immagine dell’Istituzione, il mezzo è risultato inappropriato; se il fine auspicabile era quello della sana coesione e del rispetto reciproco delle funzioni…la strada da percorrere è ancora lunga.

La tutela degli iscritti va dimostrata giorno per giorno, come questo SIC ha fatto anche in occasione delle problematiche logistiche emerse durante il G7 in Puglia.

La contrattazione collettiva, la tutela dei diritti, la rappresentanza, l’assistenza e la consulenza…compiti principali di un Sindacato che non possono essere dismessi a seguito di presunte o reali problematiche con i rispettivi interlocutori.

Con sincera stima,

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF

Continua il ciclo di assemblee SIC su tutto il territorio nazionale

Il 26 e il 27 giugno si svolgeranno presso i Reparti Territoriali della Sardegna le assemblee sindacali da parte del SIC SINDACATO INDIPENDENTE CARABINIERI.
Insieme al Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo, il Segretario Generale Aggiunto Simone Forte, il Segretario Nazionale Francesco Piero Lo Iacono, il Segretario Nazionale Maurizio Testoni, il Segretario Nazionale Vincenzo Verlezza e tutti i riferimenti Regionali del SIC, incontreranno le donne e gli uomini delle Compagnie Carabinieri di Bonorva (SS), Ozieri (SS) e Bitti (NU).

Il SIC nasce con lo scopo di tutelare i diritti dei suoi iscritti, operando in un contesto altamente professionale basato sulla trasparenza, lealtà e sul dialogo costruttivo. Nel corso delle assemblee verranno illustrati tutte le opportunità ed i servizi che il SIC mette a disposizione dei suoi associati il tutto mirato sulla crescita professionale e del benessere collettivo.

La nostra Organizzazione sindacale ha come priorità l’esclusivo interesse dei propri iscritti che si realizza mediante 40 riferimenti territoriali che sono vicini ai Carabinieri di questa meravigliosa Terra garantendo una assistenza in qualsiasi momento e per ogni esigenza e criticità.

Il SIC è in prima linea per garantire migliori condizioni lavorative dei Carabinieri.

 LEGGI LA LOCANDINA CON I DETTAGLI

Grande successo anche per l’assemblea sindacale del SIC presso la Caserma “M. Talamo”, sede del ROS

Nella mattinata odierna, presso la Caserma “M. Talamo” a Roma, il Sindacato Indipendente Carabinieri ha incontrato il personale del Raggruppamento Operativo Speciale, punta di diamante dell’Arma dei Carabinieri.

Il personale del ROS possiede una altissima professionalità info-investigativa, frutto di progressiva esperienza maturata in delicati ambiti criminali, ed ha conseguito negli anni risultati di portata storica, spesso a costo di alti sacrifici personali.

All’incontro hanno partecipato numerosi Colleghi.

L’auditorium ha apprezzato la cristallina lealtà e la disponibilità del Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo e dei Dirigenti della nostra Organizzazione sindacale intervenuti all’evento.

Nel corso dell’assemblea, il Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo ed i Dirigenti nazionali del SIC hanno illustrato le attività e le opportunità offerte dalla nostra Organizzazione sindacale.

Numerosi i quesiti a cui sono seguite, a cura del Direttivo Nazionale del SIC, risposte esaustive e aderenti alle esigenze di un Reparto d’élite.

Nel corso dell’assemblea sono stati trattati specifici argomenti tra cui l’assistenza e la tutela disciplinare e legale, l’assistenza ed il supporto psicologico con riferimento anche al fenomeno suicidiario.
Tematiche di interesse prioritario afferenti le condizioni lavorative del Carabiniere.

La progettualità e la circolarità informativa del SIC, aperta a tutti attraverso i nostri canali social, è stata particolarmente apprezzata.

Il confronto con professionisti altamente qualificati è stato un momento di crescita professionale e di arricchimento umano.

Apprezzata da parte della platea la comunicazione trasparente e leale da parte del Segretario Generale Nazionale Luigi Pettineo.

Un crescente interesse si è registrato in occasione dell’intervento del Responsabile del Supporto Psicologico Segretario Nazionale Maurizio Testoni che ha trattato l’assistenza psicologica fornita dalla nostra Organizzazione sindacale.
Apprezzati gli interventi del Presidente Francesco Luciani, del Segretario Generale aggiunto Andrea Calì, del Segretario Nazionale Irene Testori, Responsabile dei Social, del Segretario Nazionale Francesco Piero Lo Iacono, Responsabile della Comunicazione e dell’attività informativa e dell’assistenza ai giovani.
La conclusione dell’evento è stata affidata al membro del Direttivo Nazionale Massimo Mottola del ROS di Roma.

Un particolare ringraziamento rivolgiamo al Comandante del ROS Gen. B. Vincenzo Molinese per averci concesso l’opportunità di confrontarci con il personale.

Fluminimaggiore, 20 giugno 2024

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF